Facebook   Twitter   Google   LinkedIn
  • Home
  • Facility Management Audit

Facility Management Audit

Il Facility Management Audit è un fondamentale strumento che tende all’ottimizzazione di tutti quei costi non riconducibili al core business di un'azienda.

Nell'accezione oggi più comunemente utilizzata, per facility management si intende principalmente tutto ciò che afferisce:

  • alla gestione di edifici e loro impianti

quali ad esempio gli impianti di condizionamento, elettrici, idraulici, d'illuminazione

servizi di pulizia, ristorazione, giardinaggio, ecc.

Questi costi sono in genere molto rilevanti, tanto che rappresentano complessivamente la seconda o terza categoria di costo aziendale.

Ciò nonostante, non essendo costi direttamente connessi all’attività aziendale, spesso non vengono gestiti con adeguate competenza ed oculatezza.

Il Facility Management Audit ha lo scopo di individuare, per ciascuna categoria e tipologia di costo, le potenziali economie possibili senza pregiudicare il comfort ottenuto dai servizi, vale a dire attraverso l’ottimizzazione dei servizi stessi.

Se ipotizzassimo che una azienda abbia una redditività del 5%, ogni 50 mila euro risparmiati corrisponderebbero ad 1 milione di euro di fatturato.

Come operiamo?

obiettivi di efficienza non di risparmio.

Il concetto di risparmio implica sacrifici non necessari che in taluni casi possono deprimere la produttività.

La prerogativa di questo strumento di analisi tende a conseguire la riduzione dei costi attraverso un impiego razionale di risorse e spazi ma anche, soprattutto, il riesame dei livelli di servizio eventualmente abbinati a sistemi di incentivazione.

Le fasi di analisi che formano l’audit completo ideale, si focalizzano su

  • contratti ed eventuali SLA e KPI ivi contenuti (Agreement Audit),

In questa fase di analisi sono osservati i contratti relativi alle forniture di servizi all’azienda (attività manutentive, pulizie, facchinaggio, reception, etc.) con lo scopo di rilevare, per ogni bene o servizio acquistato, quantità e qualità dei beni e servizi acquistati in relazione agli spazi e alle persone che li occupano e la modalità contrattuale prevista.

  • stato di conservazione e manutenzione dei sistemi edificio-impianto in cui si lavora (Technical Audit),

L’audit si propone di definire l’ambito di azione in luogo degli SLA (Service Level Agreement) ove esistenti e, conseguentemente, valutare col cliente quelli più appropriati rispetto alle esigenze e agli obiettivi di riduzione dei costi.

  • dispersione energetica delle strutture in cui si lavora (Audit energetico)

  • organizzazione preposta agli acquisti ed alla gestione dei servizi no core (Governance Audit)

Questo modulo di audit tende ad osservare la struttura organizzativa preposta a sovrintendere, governare, gestire e monitorare i processi di approvvigionamento di servizi. 

  • opportunità di riduzione dei costi (Spending Audit).

Dobbiamo garantire il miglior rapporto qualità prezzo. Questa è la nostra missione. La conseguenza delle precedenti analisi, soprattutto l’agreement audit, porta a confrontare i costi sostenuti con i prezzi rintracciabili sul mercato.

Un modulo di analisi fondamentale che unisce SLA, costi/prezzi, condizioni di acquisto, queste ultime che impattano anch’esse sulla struttura costi aziendale.  

Inserisci la tua mail riceverai il materiale informativo  Pdf-Icon 

Richiedi informazioni

Questo sito utilizza cookie al fine di consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e per tracciare informazioni statistiche in forma anonima e aggregata. La prosecuzione della normale navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. E' possibile negare il consenso a qualunque cookie seguendo il link Cookie Policy.