Facebook   Twitter   Google   LinkedIn

Trust

Uno degli strumenti più flessibili ed efficaci che 4ESSE & PARTNERS propone ai suoi clienti per la gestione del patrimonio è il TRUST.

Il TRUST è un atto tra due parti attraverso il quale l'una (Istituente) pone nelle disponibilità dell'altra (Trustee), il controllo dei propri beni affinché questi li gestisca, custodendoli o impegnandoli a favore di uno o più terzi (Beneficiari).

Oggi le famiglie italiane si affidano sempre più al supporto di consulenti in grado di offrire strategie  per la protezione del patrimonio da rischi che possono essere endogeni o esogeni

  • Tra i rischi esogeni che minacciano l’integrità del patrimonio familiare rientrano certamente i rischi imprenditoriali, di responsabilità civile, professionale, amministrativa o di non corretta gestione. L’oggettiva difficoltà che ne consegue può creare i presupposti per aggressioni anche del patrimonio familiare, se non adeguatamente protetto.
  • Oltre a ciò annoveriamo anche rischi (endogeni) di dispersione del patrimonio.  Le crisi matrimoniali, ad esempio, sono spesso accompagnate da obblighi reddituali, patrimoniali, previdenziali e successori. Assegno di mantenimento di coniuge e figli, liquidazione una tantum del coniuge, pensione di reversibilità e parziali diritti successori dell’ex coniuge rappresentano un importante oggetto di riflessione in relazione al mantenimento dell’integrità del patrimonio.

Cosa avviene con la costituzione di un atto di trust?

Un soggetto trasferisce la titolarità di alcuni beni (determinati), ne perde quindi il possesso ad un altro soggetto che li custodisce e li gestisce a favore di un soggetto terzo.

Il soggetto che trasferisce i beni, in Italia, è comunemente noto come “disponente” o, più correttamente, “istituente”. I soggetti incaricati di custodire i beni sono definiti “Trustees” e la persona che beneficerà del TRUST è definito “beneficiario”; i beni che vengono posti sotto il controllo del Trustee costituiscono il “fondo in TRUST”.

Attenzione: un comune equivoco è ritenere che i beni siano di proprietà del TRUST.

Infatti un TRUST, diversamente che una società, non può possedere beni; al contrario, i Trustees ne sono i titolari effettivi senza che ciò comporti l’arricchimento del proprio patrimonio personale.

Il tratto distintivo di un TRUST è dunque la separazione della titolarità dei beni del fondo in TRUST dal patrimonio personale dei Trustees di cui ne sono i legittimi titolari, ma in ogni tempo dovranno perseguire esclusivamente l’interesse dei beneficiari, non il proprio.

Perchè avvalersi di un TRUST?

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie al fine di consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e per tracciare informazioni statistiche in forma anonima e aggregata. La prosecuzione della normale navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. E' possibile negare il consenso a qualunque cookie seguendo il link Cookie Policy.